Parco del Cilento – Capodanno 2024

Un tour che unisce trekking, cultura, avventura e buon cibo

La caratteristica di questo tour è la varietà: ogni giornata è diversa dalla precedente, le attività si susseguono in modo sempre stimolante, avventuroso ma mai eccessivo, giornate piene ma senza correre, e la sera cibo gratificante e buona compagnia completeranno un viaggio nuovo che tocca tutto il meglio del Cilento. Tante attività riunite in un solo tour, dall’archeologia, a Velia e a Paestum, ai grandi trekking, dalla salita sul Gelbison al Santuario meta di grandi pellegrinaggi al noto Sentiero del Mediterraneo, dalla storia, che ascolteremo nei racconti alla Certosa di San Lorenzo e nel borgo abbandonato di Roscigno vecchio, all’avventura, nelle grotte di Pertosa e nelle gole del Parco del Cilento.

Insomma, visitando il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, angolo sconosciuto e affascinante della Campania, sarà possibile ammirare un’infinità di aspetti. Esploreremo il cuore selvaggio e meno frequentato del secondo Parco più grande d’Italia, che si estende dalla costa tirrenica fino ai piedi dell’Appennino Campano – Lucano, comprendendo le cime degli Alburni, del Cervati e del Gelbison. Il parco è ricco di grandiosi boschi e corsi d’acqua che si fanno strada tra splendide montagne calcaree, dove trovano rifugio le ultime lontre. Conosceremo una terra di lupi e di “briganti”, teatro di una storia travagliata, che dimostrerà tutta la sua capacità di accogliere il visitatore attento e la varietà della flora ci stupirà passando rapidamente dalla macchia mediterranea profumata di ginepro, agli uliveti e ai pascoli, giungendo fino a quella tipica di altitudini più elevate.

La quota comprende
  • Pernottamento in agriturismo a Ceraso, in camere doppie con servizi privati;
  • le tasse di soggiorno;
  • trattamento di mezza pensione, dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno;
  • l’acqua e i 1/4 vino durante i pasti;
  • il Cenone di Capodanno con bevande incluse;
  • gli ingressi alla Certosa di San Lorenzo, alle Grotte di Pertosa e al parco archeologico di Paestum;
  • la guida per la visita alla Certosa di San Lorenzo;
  • la guida per la visita al parco archeologico di Paestum;
  • il ritorno in barca da Baia degli Infreschi (mare permettendo);
  • noleggio di minivan con autista (o condotto dalla nostra guida a seconda del numero dei partecipanti) per tutta la durata del viaggio;
  • assistenza di Guida Ambientale Escursionistica per l’intera durata del viaggio.
La quota non comprende
  • Spese di apertura pratica (vedi sotto);
  • trasporti da/per Salerno;
  • i pranzi durante le escursioni;
  • quanto non contemplato nella voce “La quota comprende”.

GIORNO 1

Grotte di Pertosa/Auletta – Arrivo in agriturismo

GIORNATA DEDICATA ALLA SPELEOLOGIA.

  • Partenza dalle città di provenienza per la prima tappa del nostro tour, le grotte di Pertosa/Auletta (distanti 81 km, 55‘ dalla Stazione di Salerno).
  • Appuntamento alle grotte alle ore 16.15. La visita inizierà alle ore 16.30.
  • Questa prima escursione sarà una delle più straordinarie, un degno inizio di un viaggio sorprendente. Le Grotte di Pertosa-Auletta presentano due unicità: sono le uniche grotte in Italia dove è possibile navigare un fiume sotterraneo, il Negro; sono le sole in Europa a conservare i resti di un villaggio palafitticolo risalente al II millennio a.C. al loro interno.
  • Attraverso percorsi segnati, comodi ed illuminati da un impianto di ultima generazione, l’escursione si trasforma in una piacevole avventura. Il fiume offre un affascinante ed inconsueto viaggio in barca, immersi in un silenzio magico, interrotto soltanto dal fragore degli scrosci della cascata sotterranea.
  • Nel pomeriggio, proseguimento verso il nostro agriturismo (107 km, 1 h 30’ circa), check-in e sistemazione nelle camere assegnate.
  • Cena in agriturismo, presentazione del tour e pernottamento.

GIORNO 2

Escursione al Santuario della Madonna del Monte Sacro (Novi Velia) – Visita a Vallo della Lucania

GIORNATA DEDICATA AL PELLEGRINAGGIO.

  • Dopo colazione partiremo in direzione di Vallo della Lucania e poi di Novi Velia (14 km, 25’ circa), luogo di partenza della nostra escursione, che ci porterà a ripercorrere le antiche strade dei pellegrini verso il Monte Gelbison. Il sentiero attraverso pinete e faggete risale fino alla cima del monte, arriva al piazzale devozionale della madonna e da qui seguendo le antiche scale raggiunge la terrazza del monastero, che assicura dai suoi 1658 metri un panorama mozzafiato su gran parte della provincia di Salerno.
  • Se il ristorante in vetta sarà aperto, degusteremo pranzo davvero unico con vista su tutto il parco del Cilento. Altrimenti, consumeremo il nostro pranzo al sacco.
  • Nel pomeriggio, ci concederemo qualche ora di mare, a Punta del Telegrafo, a sud di Marina di Ascea, dove potremo fare il bagno, se la temperatura lo permette, oppure avventurarci per un trekking fino a raggiungere la vecchia torre saracena, lungo il Sentiero degli Innamorati, piccola escursione di circa 2 ore.
  • Nel tardo pomeriggio rientro in agriturismo, preparativi per il Cenone che faremo tutti insieme nell’agriturismo, brindisi di fine anno e pernottamento.

GIORNO 3

Il Sentiero del Mediterraneo – Da Marina di Camerota a Cala Bianca e alla Baia degli Infreschi – Visita al borgo di San Severino

GIORNATA DEDICATA AL TREKKING.

  • Dopo colazione partiremo in direzione di Marina di Camerota (42km, 50’ circa), luogo di partenza della nostra escursione. Il percorso, che fa parte del Sentiero Mediterraneo, parte da Marina di Camerota e, tra continui saliscendi, permette di raggiungere tre delle cale più belle del Cilento, già vincitrici del premio “spiagge più belle d’Italia” di Legambiente e Touring Club e attualmente Bandiera Blu e 5 Vele Legambiente. Stiamo parlando della spiaggia del Pozzallo, della spiaggia di Cala Bianca e della Baia degli Infreschi, all’interno dell’area marina protetta del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.
  • Potremo concederci un pranzo in spiaggia a poca distanza dall’arrivo, prima di tornare in barca concedendoci uno scorcio della costa anche dal “lato del mare”, per arrivare in meno di 30 minuti a Marina di Camerota.
  • Nel tardo pomeriggio, sulla via del ritorno, effettueremo una sosta per la visita al piccolo borgo abbandonato di San Severino, arroccato su uno sperone di roccia, pressoché invisibile come un camaleonte grigio adagiato su una stretta e scoscesa cresta del monte, sula sommità della spettacolare gola del fiume Mingardo.
  • Nel tardo pomeriggio rientro in agriturismo per la cena e il pernottamento.

GIORNO 4

Le Gole del Calore – Roscigno Vecchio

GIORNATA DEDICATA ALLA NATURA.

  • Dopo colazione partiremo in direzione delle Gole del Calore (41 km, 1h 5’ circa), uno dei luoghi più affascinanti del Cilento. Le Gole del Calore si trovano presso una grande gola all’interno della roccia calcarea tipica del Cilento interno, dove la frattura nella roccia è davvero imponente. Iniziando la nostra escursione dal Remolino, cammineremo fra grandi boschi, antichi ponti medioevali e l’immancabile presenza del fiume, che seguiremo con un sentiero affascinante.
  • La sosta per un eventuale bagno, o semplicemente per bagnare i piedi per i più freddolosi, sarà davvero un momento da cartolina.
  • Pranzo al sacco in corso di escursione.
  • Nel primo pomeriggio andremo a visitare lo straordinario paesino di Roscigno Vecchio, il borgo fantasma patrimonio dell’Unesco, un luogo davvero unico a pochi minuti dalle gole.
  • Nel tardo pomeriggio rientro in agriturismo per la cena e il pernottamento.

GIORNO 5

Visita ai Templi di Paestum e pomeriggio fra paesini tipici e degustazioni

GIORNATA DEDICATA ALL’ARCHEOLOGIA.

  • Dopo colazione partiremo in direzione di Paestum ( 45 km, 50 minuti circa) per entrare nel Parco Archeologico di Paestum, in origine Poseidonia, un importante colonia della Magna Grecia che conserva alcune delle meraviglie della storia rimaste ancora intatte ai nostri occhi, i tre templi greci, di Nettuno, Hera e Atena, e la tomba del tuffatore! Non esiste luogo al mondo, si dice, dove si possano ammirare edifici così perfettamente conservati e immersi nel loro paesaggio storico come a Paestum, non a caso proclamata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1998.
  • Qui saremo guidati da una Guida Turistica nei 120 ettari di parco all’interno dell’antica cinta muraria, per proseguire all’interno del museo caratterizzato dalle tombe a camera affrescate da Lucani e Greci. Pranzo al termine della visita.
  • Dopo pranzo raggiungeremo il paese arroccato di Trentinara, a 606 metri di altitudine, per un’originale e interessante visita a piedi all’interno del piccolo paese, che terminerà su una delle terrazze panoramiche più suggestive del territorio.
  • Gran finale del pomeriggio presso l’azienda vinicola “I tre Daniele” per degustare i vini locali accompagnati da leccornie tipiche della cucina cilentana.
  • Nel tardo pomeriggio rientro in agriturismo per la cena e il pernottamento.

GIORNO 6

La Certosa di San Lorenzo a Padula – Rientro verso i luoghi di provenienza

GIORNATA DEDICATA ALLA STORIA.

  • Rilascio delle camere e partenza verso la certosa di San Lorenzo a Padula (80 km, 1 h e 15’ circa), situata lungo il tragitto che porta alle autostrade per il rientro verso i luoghi di provenienza.
  • Estesa su una superficie di 51.500 m², disposti su tre chiostri, un giardino, un cortile ed una chiesa, la Certosa di San Lorenzo, conosciuta anche come Certosa di Padula, è uno dei più sontuosi complessi monumentali barocchi italiani, nonché la più grande certosa a livello nazionale e tra le maggiori d’Europa. Nel 1998 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.
  • Effettueremo una visita guidata di un’ora e mezza che ci farà addentrare nei segreti e nella storia di questo luogo straordinario.
  • Al termine tempo per i saluti, eventualmente per un pranzo insieme e rientro verso i luoghi di provenienza.

SPESE DI APERTURA PRATICA: € 20,00 obbligatorie, per persona. Comprendono l’assicurazione medico-bagaglio; sono utilizzate anche per finanziare progetti di compensazione delle emissioni di CO2 derivanti dalla partecipazione ai viaggi

INFORMAZIONI GENERALI E ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO
NOTE: la quota è basata sulla sistemazione in doppia (sistemazione in camera singola su richiesta con supplemento). Per coloro che viaggiando da soli richiedono comunque la sistemazione con altro/a partecipante, sarà assegnata la camera doppia in condivisione. Qualora però, a ridosso della partenza, l’abbinamento non si fosse completato, si procederà all’assegnazione della camera singola con relativo supplemento.

ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO VIAGGIO E TUTELA PER ANNULLAMENTI CAUSA COVID. Non è inclusa nella quota, ma è possibile stipularla con un costo del 5% del totale dell’importo assicurato. Richiedi comunque il preventivo effettivo. L’assicurazione potrà essere stipulata esclusivamente al momento della prenotazione del viaggio.

VALIDITA’ DELLE INFORMAZIONI: tutte le informazioni riportate su queste pagine sono indicative e sono un estratto di quelle riportate in modo esaustivo sulla Scheda Tecnica del viaggio, che costituisce la descrizione ufficiale del viaggio e alla quale si prega di fare esclusivo riferimento.

Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Provincia di Salerno, Italia

Chiedi disponibilità

Per qualsiasi informazione puoi chiamare i numeri
+39 06 8530 1758 | +39 335 464 918
oppure compila il modulo sottostante e ti contatteremo al più presto.

Ti potrebbero interessare anche